Le migliori città tecnologiche a livello globale. Austin, in Texas, è in cima alla classifica

Le migliori città tecnologiche a livello globale. Austin, in Texas, è in cima alla classifica

In alcune parti del mondo, la tecnologia sta avanzando più velocemente rispetto ad altre. Ma cos’è che rende alcune città migliori di altre facendo riferimento al settore tecnologico?

Savills Investment Management, gruppo internazionale specializzato nella gestione di investimenti immobiliari, ha svolto un’indagine ed ha elaborato il report 2017 Tech Cities, individuando “22 centri globali all’avanguardia tecnologica”. E in cima alla lista non c’è New York, né Londra, né San Francisco, ma Austin.
Secondo il report, la capitale texana “ha rubato il primo posto a San Francisco poiché riesce ad attrarre molti più talenti umani“. Inoltre, è più conveniente per le aziende tecnologiche, presenta una elevata qualità della vita ed è sempre pronta ad accogliere nuovi talenti. “La capitale del Texas si distingue per la sua eccellente capacità di attrarre talenti a livello globale” si legge nel report.

Tra le grandi aziende che si sono stabilite ad Austin troviamo IBM, Dell e ADM. Inoltre, “le tasse basse, le spese di alloggio economiche e la forte cultura impresariale fanno sì che rappresenti il contesto idoneo per le startups in un ambiente sempre prospero e innovativo“.

Le città che completano la classifica

San Francisco, California, è al secondo posto, perché rappresenta “l’alternativa per i talenti più facoltosi” e New York, terza in quanto “città leader mondiale degli Stati Uniti“.

Negli Stati Uniti vi sono molte delle più grandi ed innovative aziende tecnologiche. Le città hanno maggior accesso a capitali di rischio e fondi che le aiutano a crescere“, spiegano i consulenti. Tra queste Boston (8) e Seattle (13). La prima, dove hanno studiato Bill Gates e Mark Zuckerberg, è famosa per le sue aziende farmaceutiche e biotecnologiche, ma anche per l’e-commerce, i videogiochi ed il turismo. Seattle è la patria di Amazon e Microsoft, “sono in fermento diverse attività in via di sviluppo“.

Le migliori città in America Latina

Per quanto riguarda l’America Latina, nel report figurano due città: Santiago del Cile (19) e Buenos Aires (21). Entrambe presentano condizioni favorevoli volte allo sviluppo di imprese del settore tecnologico.

Gli analisti di Savills affermano che Santiago “possiede un ecosistema tecnologico relativamente nuovo, ma in rapido e costante sviluppo, le cui azioni sono finanziate dal governo cileno“. I loro programmi innovativi includono ‘The S Factory’, un progetto ideato per le donne imprenditrici. E siccome il Cile sta cercando di ridurre la sua dipendenza dalle miniere di rame, Santiago sta aiutando il paese a riposizionarsi come il nuovo centro tecnologico del Sud America.

Nel caso di Buenos Aires, affermano che si stanno sviluppando diverse start-up, “grazie anche alle valide università presenti nel paese e al crescente interesse per il capitale di rischio. Nonostante la difficile situazione economica Argentina, Buenos Aires sta rivestendo un ruolo chiave nel settore dell’energia rinnovabile e della tecnologia aerospaziale. A Buenos Aires prosperano diverse start-up, nonostante la difficile situazione economica“, si legge nel report.

Il “Capitale umano”

Per elaborare il report, i consulenti di Savills hanno preso in considerazione diversi fattori.

Tutte queste città hanno fiorenti industrie tecnologiche e sempre in crescita alle quali puntano diverse società tecnologiche in via di sviluppo”.

Gli analisti affermano che uno dei loro aspetti fondamentali è rappresentato “dall’accesso del capitale umano” che attrae talenti nazionali ed esteri che vogliono vivere e lavorare lì, e hanno considerato quali sono i fattori per cui in esse si concentrano le maggiori aziende tecnologiche, che vanno “dall’accesso al capitale di rischio alla qualità dei Neighborhood Cafe“.
L’elenco include sei città di tutti i continenti: sei europee, sei dell’America del Nord, due del Sud America, sei nella regione Asia-Pacifico, una africana, una del Medio Oriente e una del Nord Africa.

Londra vs. Amsterdam

In Europa spiccano Londra (4) e Amsterdam (5) grandi centri commerciali che presentano buoni collegamenti fisici con il resto del mondo, come gli aeroporti internazionali.

Londra conta con un grande ambiente tecnologico, ma i beni immobiliari ad Amsterdam sono molto più convenienti.
Sono due città dinamiche, contano con una grande popolazione di universitari e attraggono talenti. Copenaghen (7), Berlino (9), Stoccolma (11) e Dublino (12), completano l’elenco delle città europee.

Al di fuori dell’Europa, figurano nella Top 10 città come la moderna Toronto (6), il cui numero di start-up cresce in maniera impressionante (sede di Spotify o Hootsuite), e la vivace città-stato di Singapore (10), nuovo leader dei Big Data, con un settore finanziario formidabile ed una ricca cultura aziendale.

Le città in forte espansione

Santiago e Buenos Aires sono pari merito con Bangalore (20) in India, o Città del Capo (22), nel Sud Africa; si tratta di “città che si distinguono nelle loro regioni e che stanno emergendo sulla scena mondiale“.

Gli ambienti tecnologici e di business sono meno sviluppati rispetto alle loro città rivali, ma i costi sono ridotti. Come nei fiorenti centri urbani regionali, il talento interno è abbondante“, si legge nel report.

Completano l’elenco Melbourne (14), in Australia, più economica di Sidney, e con una buona qualità di vita che le ha permesso di attrarre talenti a livello globale e Tel Aviv (15), in Israele, “per la sua grande reputazione in sicurezza informatica e di analisi i dati“.
E, naturalmente, il gioiello della tecnologia asiatica Seoul (16), in Corea del Sud, Hong Kong (17), in Cina, e Tokyo (18), in Giappone.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *